Trattamento della spasticità

La spasticità è una conseguenza frequente di un danno del sistema nervoso centrale che compare in caso di ictus o di lesioni di natura traumatica o non traumatica (cervello e midollo spinale) di ogni tipo.

Le conseguenze sono un’iperattività muscolare involontaria con effetti nocivi quali dolori, deformità articolari fisse e funzionalità compromesse. Un approccio basato sulla classica fisioterapia e su farmaci antispastici (somministrazione orale) è limitato nei casi gravi.  

I nostri ambulatori specialistici offrono l’opportunità di verificare in modo interdisciplinare l’indicazione per altri metodi e di avviare le relative misure terapeutiche.

Sostanzialmente si tratta di:

Trattamento ambulatoriale mediante tossina botulinica finalizzato a

  • migliorare e facilitare le funzioni motorie (capacità di deambulazione e di mantenere la posizione eretta, utilizzo attivo della mano o del braccio)
  • agevolare i trasferimenti (p.es. dal letto alla sedia a rotelle)
  • lenire il dolore
  • facilitare le cure
  • una profilassi delle complicazioni secondarie (contratture, decubito). Utilizzo principale in caso di spasticità focale (circoscritta)

Terapia intratecale ITB (somministrazione di farmaco antispastico in prossimità del midollo spinale mediante una pompa speciale) per

  • migliorare le funzioni motorie delle estremità inferiori agendo sulla (para)spasticità multisegmentale
  • facilitare l’assistenza di base
  • agevolare la mobilizzazione
  • effettuare la profilassi delle lesioni da decubito

Medicazione orale antispastica con cannabinoidi

Consulenza e supporto per  

  • indicazione
  • acquisizione e consegna dei farmaci
  • monitoraggio ambulatoriale